Che cosa è il rialzo del seno mascellare e quando lo si pratica?

Lo scopo di questo blog post è rispondere a una delle domande più frequenti dei miei pazienti – è doloroso l’intervento di rialzo del seno mascellare? Il rialzo del seno mascellare è un intervento completamente indolore (sotto l’anestesia locale) che presso il mio centro si esegue quotidianamente, sono interventi di routine.

Non è necessaria nessuna preparazione in più per il paziente rispetto agli interventi comuni come per es. l’otturazione, il trattamento del dente oppure la sua estrazione. Si deve menzionare che il successo dell’intervento nel nostro studio è circa del 97% (simile anche all’inserzione degli impianti dentali). Gli impianti messi nel seno nell’osso appena creato hanno la stessa durata prevista come gli impianti messi nell’osso sano esistente. Ma ciò non è tutto che c’è da sapere sul rialzo del seno mascellare.

Qual è lo scopo del rialzo del seno mascellare?

Non è possibile inserire gli impianti dentali se non abbiamo uno spessore sufficiente dell’osso che manterrà l’impianto. Purtroppo, quando perdiamo il dente, l’osso che una volta lo teneva si atrofizza e perde volume. Per aumentare il volume dell’osso nella mascella superiore dove inseriamo gli impianti, pratichiamo il rialzo del seno mascellare.

Con la procedura del rialzo del seno mascellare aggiungiamo osso alla cavità nasale sopra la mascella superiore. Solitamente questa procedura si esegue contemporaneamente all’inserimento dell’impianto, ovviamente, se c’è almeno un po’ d’osso.

Se non c’è proprio osso, tra la procedura di rialzo del seno mascellare e l’inserimento dell’impianto devono passare tra 6 e 8 mesi. La procedura di rialzo del seno mascellare si esegue in anestesia locale, così che il trattamento sia del tutto indolore.

Il procedimento ha inizio con l’apertura delle gengive al confine con la cavità nasale. La cavità poi si apre. Si alza la membrana del seno mascellare per far posto al granulato di osso sintetico biocompatibile. Dopo aver inserito il granulato la fessura viene ricucita.

L’intervento di rialzo del seno mascellare è un’ operazione indolore di routine dopo la quale si può avere come reazione un po’ di gonfiore che passa già dopo un giorno o due.

Situazione esistente prima del rialzo del seno mascellare. Si può vedere che il paziente ha solo tra 2 e 4 mm d’osso sui punti dove si dovrebbero inserire gli impianti.
Dalla foto si può vedere che con il rialzo è stato creato un nuovo osso di altezza di circa 12 mm. Durante la stessa prima fase sono stati inseriti 2 impianti (Straumann) di 12 e di 10 mm e dopo circa 6 mesi è stato realizzato il ponte.

Quali materiali vengono utilizzati per il rialzo del seno mascellare?

Per quanto riguarda i materiali che si inseriscono nel seno mascellare, esistono materiali artificiali biocompatibili dai quali si crea nuovo osso (biooss, boneceramic, grafton,…) ma esiste anche la possibilità di inserire osso del paziente stesso (osso autologo) che in questo caso si prende dalla mascella inferiore, si spezzetta e si inserisce nel posto dove manca (seno mascellare).

Ancora un appunto, nella maggioranza dei casi è sufficiente aggiungere solo osso sintetico senza far ricorso all’osso autologo, e anche nella maggioranza dei casi (se ci sono almeno 2 mm d’osso), durante lo stesso intervento, si possono inserire gli impianti ovvero bisogna aspettare molto di meno per i nuovi denti.

Forse da tutto questo sembra che si tratti di un intervento complicato, ma vi rassicuro che non è così.

Compilate la richiesta di richiamata se volete essere richiamati dal nostro studio. Vi chiameremo sul numero e nell’orario indicato.

Richiesta di richiamata

Avete qualche domanda da farci? Compilate il modulo di contatto. Vi risponderemo al più presto possibile!

Contatto e-mail

Per un contatto veloce con il nostro studio utilizzate WhatsApp oppure il Facebook Messenger.

Contatto via whatsapp

Contatto via messenger