Guida agli impianti dentali low cost

Avere un sorriso bello e sano è importante... ma lo è anche il conto in banca! Proprio per questo si sta sviluppando negli ultimi anni un crescente interesse verso gli impianti dentali low cost. Quanto costano in meno rispetto agli altri? Sono sicuri? Conviene di più spostarsi all'estero e installare un impianto premium oppure scegliere un low cost vicino a casa?

In questa guida completa tratteremo degli impianti dentali low cost, analizzando:

Cercheremo di dare una percezione completa al paziente su quello che ti stanno dicendo le cliniche quando dichiarano un prezzo.

Iniziamo con un’infarinatura teorica!

Quali sono le voci di costo di un impianto dentale?

Un impianto dentale si compone sempre di diverse voci di costo variabili.

Come qualsiasi altro prodotto o servizio, bisogna valutare quali differenze intercorrono tra un servizio di fascia alta e uno low cost. 

Perché ad esempio un prodotto costa meno di un altro? Potrebbe aver subito un processo di lavorazione meno lungo. Oppure, i materiali potrebbero costare meno. Ma anche, il prodotto potrebbe essere stato importato e quindi aver subito un ricarico per via dei costi di importazione. Bisogna anche considerare il costo della manodopera. 

Per i servizi la valutazione è anche più complessa: se lo stesso professionista si fa pagare la metà in uno stato estero e il costo delle importazione più il costo della manodopera sono comunque inferiori rispetto alla produzione in patria, allora potrebbe essere conveniente sfruttare alcuni servizi all’estero.

Voci di costo di un impianto dentale

Veniamo ora alle singole parti che vanno a comporre il prezzo di un impianto dentale:

  • materiali per la protesi: Parliamo di vite, abutment, corona dentale;
  • materiali secondari ma comunque utili per l'operazione: c’è il cemento dentale, il liquido per sciacquare la bocca del paziente, e altri;
  • le tecnologie e macchinari utilizzati per l'operazione chirurgica e per le visite preliminari;
  • la visita radiologica iniziale;
  • il tempo di tutti i professionisti impiegati: a partire dal dentista che effettua la prima analisi, per arrivare fino all’implantologo che trapanerà il foro nell'arcata dentale per installare l'impianto dentale. Ma non dimentichiamo l’igienista dentale, e l'eventuale altro personale necessario per tenere aperta la clinica;
  • il costo della manodopera;
  • altri costi corollari.

Costo degli immobili e costo della vita

Ci sono poi altri costi, il cui elenco non è funzionale a questa guida, e che accenneremo sotlanto. Tra questi, non va dimenticato il costo dell'affitto dei locali, le bollette, la tassazione, e la convenienza in generale di alcune zone geografiche rispetto ad altre.

Sono tutte voci di costo abbastanza intuitive e familiari a chi ha un'attività propria o conosce il funzionamento di un azienda o la composizione del prezzo di un servizio.

In alcuni casi la clinica implantologica comprende nel prezzo dell’impianto dentale anche alcune visite di check-up in seguito all'intervento, che altrimenti dovresti pagare di tasca tua.

Su cosa si può “tagliare” per avere impianti dentali low cost?

Ricordando sempre che l'impianto dentale è un'operazione chirurgica a pieno titolo, è evidente che serve capire bene su quali elementi si è risparmiato. Di solito sono:

  • Servizi aggiuntivi;
  • Manodopera e costi locali.

Molto spesso le tecnologie utilizzate, prodotte da multinazionali, hanno gli stessi prezzi in tutto il mondo e quindi è difficile che questa voce vari nel bilancio del singolo studio di implantologia. Lo stesso vale per i materiali, anche se esistono di solito delle fasce di prezzo: alcune cliniche dichiarano di impiantare degli impianti dentali low cost, oppure Premium Price. Qui la differenza sta unicamente nel costo e nel tipo di materiali, ma ne parleremo meglio più avanti, dopo aver parlato di costo della manodopera e di servizi aggiuntivi all’impianto dentale.

Costo della manodopera in Italia e all’estero

Una voce su cui la variabilità è leggermente più ampia è quella del costo della manodopera. Nei Paesi dove il costo della vita inferiore, gli affitti sono inferiori e la paga media segue questo Trend; qui, è probabile che sia un impianto low cost sia un impianto Premium risultino più convenienti.

Attenzione: bisogna comunque considerare il costo e del viaggio che ti servirà per arrivare alla clinica implantologica in un altro Stato. 

Noi, per fortuna, abbiamo una rete di studi dentistici anche in Italia dove i nostri pazienti possono rivolgersi per qualsiasi neccessità.

Attenzione ad alcune tariffe dichiarate! 

In alcuni casi il costo dell’impianto dentale viene dichiarato in modo improprio.

Sappi che:

  • Spesso nel listino prezzi delle cliniche implantologiche si trovano dei costi per un impianto dentale davvero irrisori rispetto al mercato. Perché? C'è un motivo alquanto banale: il dentista con “impianto dentale” intende solo la vite, mentre nel gergo comune si tende a concepire l'intera protesi, operazione compresa;
  • Gli impianti dentali possono fornire un passaporto implantare,  di cui parleremo più avanti. Se il costo che vedi a listino è troppo basso, il passaporto implantare potrebbe non essere garantito;
  • Gli impianti dentali ben fatti e correttamente dichiarati possono essere scaricati dalle tasse. Attenzione a scegliere tariffe troppo basse, perché potrebbero non essere degli impianti scaricabili.

Passaporto implantare e risparmio

Gli impianti di fascia alta offrono una sorta di garanzia a vita, che ha valore sovra-nazionale.

Il passaporto implantare è un documento che viene consegnato al paziente all’atto dell’inserimento dell’impianto. Con il passaporto, il paziente potrà recarsi presso un qualsiasi centro di implantologia avendo diritto alla sostituzione gratuita dell’impianto danneggiato. Due precisazioni:

  • È escluso il costo dell’intervento di sostituzione;
  • Dovrai scegliere una clinica che tratta quella marca di impianti.
  •  

Questo aspetto rende a volte molto più conveniente scegliere un impianto dentale premium, se si ha di fronte la prospettiva di usarlo per molto tempo. Anche se in ogni caso si paga il costo dell'intervento di sostituzione, in fin dei conti è comunque più conveniente questa opzione piuttosto che pagare un intero impianto nuovo.

Come scaricare dalle tasse un impianto (low cost o meno)

Va considerato un altro aspetto non meno importante: un impianto dentale  può essere scaricato dalle tasse. È sufficiente:

  • informarsi presso la clinica implantologica scelta se l'opzione è disponibile. Se la clinica è seria, sicuramente lo sarà;
  • curarsi che nella ricevuta di pagamento sia indicato il tipo di impianto, la data, il prezzo il codice fiscale del paziente;
  • all'atto della dichiarazione dei redditi e 730 va allegata questa ricevuta di pagamento.

L'impianto dentale costituisce una spesa medica, quindi lo Stato garantisce un contributo a chi si sottopone a questo tipo di intervento.

Impianti dentali low cost vs premium

Esistono molti diversi fornitori di impianti dentali e di materiali da applicare agli impianti dentali. La maggior parte di questi offre la possibilità ai dentisti che si rivolgono a loro di scegliere tra due fasce di prezzo principali:

  • Impianti premium price
  • Impianti dentali low cost.

I primi sono più costosi dei secondi, per una serie di motivi. 

Derivano in primis da una sperimentazione scientifica specifica, inoltre sono stati testati nel tempo e vengono costantemente sottoposti a migliorie.

Una simile attenzione si risolve in una maggiore qualità: gli impianti Premium costano di più,  ma valgono anche di più, hanno una maggiore durata nel tempo e una migliore resistenza all’usura e alla corrosione.

Impianti dentali low cost

Dire che un impianto premium è meglio non significa sostenere che gli impianti dentali low cost siano di cattiva qualità. Semplicemente, spesso i loro brevetti sono più vecchi, oppure sono una versione meno raffinata di impianti Premium.

È difficile fare una valutazione onnicomprensiva, però sicuramente se cerchi una soluzione di lungo termine e affidabile, vale la pena investire in un impianto Premium.

Un altro modo per risparmiare sugli impianti: l’all on four

Precisiamo che l’All on Four non è un prodotto che viene scelto dal paziente. Non si entra in una clinica chiedendolo esplicitamente, ma sarà il vostro implantologo a consigliarlo nel caso si adatti alla situazione.

In sostanza, si tratta dell'impianto di un’intera arcata dentale, che come suggerisce il nome si poggia su quattro perni per arcata. In sostanza, per i pazienti edentuli con un’intera arcata mancante è spesso più conveniente fare un unico all-on-four piuttosto che tutti i singoli impianti di ogni dente.

Soluzione non per tutti

Ripetiamo che questa soluzione ti può essere consigliata solo dal dentista, e che sono necessarie la giusta quantità di osso mandibolare e mascellare e le corrette aspettative di buona riuscita dell’operazione.

Insomma: anche se consente di risparmiare, l’all on four non è per tutti!

Parti di cui si compone un impianto dentale

Abbiamo già accennato al fatto che il costo di un impianto dentale dichiarato nel listino di una clinica potrebbe prevedere solo la vite.

Riassumiamo quali sono le parti che compongono un impianto dentale, inteso nel senso comune:

  • Vite endossea: è un dispositivo simile a una vite che viene inserito direttamente nell'osso mandibolare o mascellare. Se le condizioni lo consentono, l’implantologo effettua un foro direttamente nell'osso e qui inserisce la vite. La vite endossea è costituita da titanio o da leghe di titanio;
  • Abutment: detto anche Multi Utility Abutment (MUA), è un piccolo componente che connette la vite alla protesi dentaria sovrastante, quella visibile. In alcune marche di impianti si trova già integrato con la vite;
  • Corona: la corona dentaria è la parte visibile della, quella che era avvitata o cementata al di sopra dell’abutment. Quelle di migliore qualità sono solitamente in zirconio in ceramica.

Materiali low cost

Mentre sulla vite e l’abutment raramente si trovano materiali diversi dal titanio o dalle leghe di titanio, sulla corona si può spaziare. Le cliniche più oneste ti consentono di scegliere se preferite una corona in ceramica, più economica, oppure se opti per il più costoso ma più performante zirconio.

Non è una scelta che va a inficiare la qualità dell'impianto, e anzi è un ottimo modo per risparmiare qualcosa sui materiali senza compromettere la durata dell'impianto. Diciamo che una corona in zirconio ha una brillantezza e lucentezza senza paragoni, ma anche le corone in ceramica sono una buona soluzione.

Il ponte dentale è un impianto dentale?

Chiariamo questo dubbio: il ponte dentale non è un impianto dentale. Come abbiamo già visto, l’impianto dentale comprende una vite endossea che deve penetrare nell'osso mandibolare o mascellare. 

Questa vite verrà letteralmente assorbita del vostro corpo in un delicato processo di osteointegrazione, diventando l’alternativa artificiale a un legame parodontale. 

Viceversa, il ponte dentale è una protesi dentaria che si applica a dei denti già esistenti e non va a scavare nella gengiva né tantomeno nell'osso.

Quindi, attenzione a non fare l'errore di pensare ai ponti come ad impianti dentali low cost!

Si tratta semplicemente di una soluzione diversa.

È sicuro scegliere un impianto dentale low cost?

Come abbiamo visto, molto spesso anche fornitori di impianti dentali estremamente seri consentono alle cliniche implantologiche di scegliere tra una linea low cost e una Premium.

Non è corretto dire che un impianto dentale low cost è pericoloso.

Un impianto dentale low cost può essere perfettamente funzionante e durare anche per tutta la vita. Diciamo che un impianto premium fornisce la garanzia di materiali migliori, maggiormente testati, e sottoposti a un costante monitoraggio nel tempo.

Quindi, ti invitiamo a fare attenzione durante la tua scelta. Valuta anche con il tuo dentista di fiducia, che saprà consigliarti valutando il tuo stato di salute e le ragionevoli aspettative che hai di portare un impianto dentale per lungo termine.

Valutazione delle abitudini e controindicazioni

Quando si valuta l'opportunità o meno di installare un impianto dentale si considerano anche le abitudini del paziente, la sua disponibilità a cambiarle (esempio: il fumo)  e le controindicazioni.  Queste ultime sono delle patologie o dei farmaci che il paziente assume e che potrebbero limitare l'efficacia dell'intervento d’impianto dentale.

Il consiglio professionale

In alcuni casi, il professionista ti potrebbe indirizzare verso una scelta più economica anche considerando questi fattori.

Consigliamo sempre di mettere in luce la propria eventuale difficoltà economica e valutare insieme al proprio dentista di fiducia se è possibile risparmiare tenendo sempre sott’occhio la propria salute e sicurezza.

Conclusione sugli impianti dentali low cost

Alla fine di questa breve carrellata possiamo sostenere che in alcuni specifici casi l'impianto low cost è un'ottima soluzione, perfettamente compatibile con le aspettative di durata e di qualità della vita del paziente.

In altri casi, invece, conviene investire in un impianto premium, indubbiamente la migliore soluzione sul mercato.

Quel che è importante è scegliere sempre una clinica seria, affidabile e che ospita professionisti reali.

Sono in tal modo puoi garantire al tuo sorriso di essere bello, sano e senza effetti collaterali.

Vuoi un ulteriore aiuto nella scelta?

Contatta la nostra clinica! 

Compilate la richiesta di richiamata se volete essere richiamati dal nostro studio. Vi chiameremo sul numero e nell’orario indicato.

Richiesta di richiamata

Per un contatto veloce con il nostro studio utilizzate WhatsApp oppure il Facebook Messenger.

Contatto via whatsapp

Avete qualche domanda da farci? Compilate il modulo di contatto. Vi risponderemo al più presto possibile!

Contatto e-mail